Il tablet nuoce allo sviluppo emotivo dei più piccoli

L'intrattenimeto anche dei più piccoli è passato dalla tv ai tablet, ormai è un trend molto diffuso usare questo nuovo strumento per distrarre o far calmare i piccoli. Un ricerca fatta da alcuni studiosi statunitensi della Boston University dimostra che l'uso del tablet per bimbi in un'età compresa dai 9 mesi ai 2 anni nuocerebbe allo sviluppo emotivo. I piccoli  infatti smetterebbero di piangere solo perchè distratti dalle immagini e quindi non sviluppano il proprio auto-controllo e non sarebbero in grado di gestire le emozioni. Per saperne di più

L'Unione Europea dichiara: nelle scuole non si respira aria buona

A sostenere questa tesi è uno studio che ha coinvolto 114 scuole in 54 città di 23 paesi europei. Nel nostro paese sono state coinvolte 6 scuole (due a Palermo, due a Pisa, due a Milano). Il risultato è che l'aria che i bambini respirano negli ambienti scolastici è malsana a causa di doppi vetri, mancanza di ventilazione,aule densamente popolate, vicinanza a strade molto trafficate. Per saperne di più

Se si mangia spesso al fast food cala il rendimento a scuola

Secondo uno studio dell’Ohio State University, pubblicato dalla rivista Clinical Pediatrics, mangiare spesso "cibo spazzatura" diminuisce il rendimento scolastico dei bambini. I bambini che frequentano spesso i fast food  hanno ottenuto risultati inferiori fino al 20% nei test di matematica, scienza e lettura rispetto agli altri. Continua a leggere

Allergie a scuola: ecco cosa sapere e cosa fare

Da cosa fare per correre meno pericoli durante le attività didattiche, a come comportarsi nel caso di una crisi asmatica a scuola, a come intervenire per creare un ambiente più salubre, ecco una Guida utile e sintetica per genitori ed insegnanti alle prese con il problema delle allergie negli studenti. Sul sito dell'Associazione ALPI

Educazione fisica a scuola, ma non in palestra...

Uno studente su tre fa educazione fisica non in palestra, ma in aule, corridoi o nel cortile della scuola. A svelarlo un sondaggio di Skuola.net su 7mila studenti. E, come mostrano i dati del XII Rapporto Impararesicuri di Cittadinanzattiva, anche laddove ci sono, le palestre sono spesso inadeguate. Approfondisci

In aula più rumore che al bar

Nove scuole su dieci presentano un livello di inquinamento acustico da record: a dirlo una ricerca commissionata dall'Associazione Genitori Sordi Bresciani. Non solo il rumore peggiora come è ovvio la concentrazione e il livello di apprendimento a scuola, ma aumenta anche lo stress, per studenti e docenti, che si trascina oltre l'orario scolastico. Ridurre il rumore, sostiene la ricerca, costerebbe 30 euro a metro quadro. Leggi di più e visita la pagina del progetto

Come scegliere lo zaino giusto

Secondo un recente studio della Società americana di ortopedia, il 66% delle visite mediche ad adolescenti è dovuto a dolori articolari provocati da un uso scorretto dello zaino scolastico. Ecco alcune regole, presentate dall'Osservatorio nazionale sulla salute dell’infanzia e dell’adolescenza (Paidòss), per aiutare i genitori a scegliere il prodotto giusto e usarlo nella maniera più corretta.
Leggi di più su Corriere.it

Panettieri ed ortolani nella scuola Paradiso di Reggio Calabria

Hanno seminato il grano nel giardino della scuola, si sono trasformati in panettieri impastando il pane; poi hanno raccolte le verdure dell'orto ed organizzato un frutta party; infine, per ricaricare anche lo spirito, si sono concessi una rilassante seduta di yoga e al termine una effervescente partita di calcetto. Gli artefici di questo percorso all'insegna del motto “Essere o non essere? Meglio il ben-essere” sono stati i piccoli studenti  della scuola dell’infanzia Paradiso di Reggio Calabria che, con il loro progetto Vivo bene, sono stati tra i vincitori della VIII edizione del Premio Buone Pratiche a scuola "Vito Scafidi". Guarda il video del loro progetto e approfondisci

Un questionario per le mense scolastiche

Il Ministero della Salute e il MIUR hanno messo a punto un questionario dedicato alle mense scolastiche a cui potranno rispondere gli istituti scolastici. L'obiettivo è valutare l'efficacia delle linee di indirizzo per la ristorazione scolastica emanate nel 2010, per facilitare fin dalla più tenera età l'adozione di uno stile sano e corretto di vita. Leggi tutto

A Milano le scuole fatte di legno

Il Comune di Milano e Brescia, grazie all'uso di azioni della società A2A, hanno avviato un piano di riqualificazione e costruzione di nuove scuole soprattutto nelle zone periferiche. Le scuole in progetto saranno costruite in legno, sono strutture più veloci da edificare (6-8 mesi), sono antisismiche, e sprecano meno energia. Una buona pratica da ricordare e da applicare anche in altre città del nostro Paese. Per saperne di più

Mense a km zero e con meno zuccheri

Una nuova tendenza sta prendendo piede nelle mense scolastiche: meno carne rossa, più cibi integrali, meno zuccheri complessi e più prodotti a km zero. Le scuole iniziano a modificare i prodotti presenti nelle loro mense, in vista  delle nuove linee guida messe a punto dal Ministro Carrozza, dettate dall'allarme obesità. Un bambino su tre, tra i sei e gli undici anni è in sovrappeso.
Per saperne di più

Bike to school

E' il nome dell'iniziativa lanciata da Anna, una mamma di tre bambini, il più piccolo Luca di due anni, che vive a Roma e ha deciso di accompagnarlo in bici al nido, coinvolgendo anche altri genitori ed insegnanti del quartiere. L'idea è proprio quella di non prendere più bus o auto per raggiungere la scuola ma la bici, un mezzo non inquinante e soprattutto anche divertente.
Bike to school interesserà ben nove Municipi della città di Roma e trentacinque scuole, e sta prendendo piede anche in altre città italiane. Una  insolita "critical mass" , fatta questa volta da bambini di tutte le età. Per saperne di più

 

A scuola le mense sono "green"

Sempre più istituti scelgono per le proprie mense pasti con prodotti biologici, a km zero, equo e solidali, e con un impatto sempre limitato sull'ambiente. In cinque anni le mense sostenibili sono aumentate del 50%, prevalentemente al nord. Per saperne di più

Fai la prima colazione? Raccontala al BCI!

Pochi minuti del vostro tempo per rispondere ad alcune semplici e divertenti domande sulla prima colazione. È quanto ci invita a fare il Breakfast Club Italia, iniziativa per la promozione del dialogo sulla prima colazione, la sana alimentazione ed i corretti stili di vita che, attraverso un questionario, intende aprire un contatto diretto con i cittadini e diffondere le buone pratiche per stare bene. Noi di Cittadinanzattiva siamo parte del Club e crediamo all’iniziativa. Contiamo su di voi, per rispondere velocemente alle domande pop-up che si visualizzano cliccando qui…e perché no, per diffonderlo!

Scatta la prima multa a chi fuma nel cortile

Una studentessa di un liceo di Firenze è stata multata per aver fumato una sigaretta nel cortile, come faceva di solito, ma questa volta la sigaretta le è costata  55 euro. I ragazzi considerano il provvedimento troppo severo. Per saperne di più

Un "contratto" per smettere di fumare

L'Azienda per i servizi sanitari del medio Friuli, con il nuovo anno scolastico aprirà la "smoke free class competition", una manifestazione che coinvolgerà 27 classi di nove istituti della provincia di Udine. Si tratta di un progetto europeo, realizzato per la prima volta in Finlandia nel 1989, con l'intento di prevenire e combattere il fumo. Ogni classe che aderisce firma un vero "contratto" in cui ogni singolo studente si impegna a non fumare. Per saperne di più

Arrivano gli ambasciatori delle due ruote

Si chiama "Stars", il nuovo progetto che arriva dall'Unione Europea, finalizzato a far conoscere ai giovani la bicicletta. La città di Milano aderisce all'iniziativa che prenderà il via, con il nuovo anno scolastico, anche in altre città europee: Londra, Madrid, Edimburgo, Budapest, Cracovia.
L'idea è di promuovere la bicicletta per la mobilità del percorso casa scuola. Il progetto partirà in 11 istituti ma si pensa che saranno 25 già nel secondo anno. Leggi di più

No alle sigarette elettroniche a scuola

Il Ministro Lorenzin, da pochi giorni, ha avanzato la proposta di vietare le sigarette elettroniche  a scuola e ai minori di 18 anni. La questione è ancora aperta, anche perchè si discute sulla considerazione o meno delle sigarette elettroniche come farmaco e soprattutto sulle sostanze presenti che a volte possono risultare nocive per la salute. Per saperne di più

Arrivano nuove direttive per prevenire allergie in classe

Gli ambienti scolastici frequentati dai nostri figli sono insalubri, spesso infatti sono sporchi e questo provoca l'insorgenza di allergie e asma, soprattutto in soggetti predisposti.
Per prevenire i fattori di rischio ecco che arrivano delle linee guida per mettere in atto una serie di buone pratiche. Per saperne di più leggi l'articolo

Osservi - Amo i disturbi dell'infanzia

Nasce Osservi - Amo, un progetto sperimentale realizzato da Roma Capitale in collaborazione con il Dipartimento di Neuropsichiatria infantile dell'Università La Sapienza di Roma. Il progetto ha previsto la realizzazione di un vademecum che verrà distribuito a tutti i genitori dei 35 mila bambini frequentanti le scuole dell'infanzia comunali. Un valido aiuto per guidare i genitori nella crescita dei propri figli, e riconoscere i campanelli d'allarme dei disturbi in età evolutiva. Per saperne di più