"E..io pago.." - Ancora crisi? Qualche idea

La crisi economica è oramai da diverso tempo il “fil rouge” con il quale i consumatori ci “costringono” ad analizzare le segnalazioni, che stanno diventando sempre di più un grido d’allarme.
Morosità delle bollette, pratiche commerciali aggressive da parte delle aziende, richieste di informazioni su bonus sociali, e il tema esplode ancor più analizzando le segnalazioni sulle banche

Leggi tutto...

50 motivi per una valutazione civica delle tecnologie

La valutazione delle tecnologie sanitarie oggi non è più esclusivo appannaggio di tecnici, economisti, amministratori, clinici, ma anche dei cittadini, dei pazienti e dei familiari: si chiama HTA (Health Tecnology Assessment) e può essere il futuro del coinvolgimento dei pazienti nelle decisioni in sanità.

Leggi tutto...

Dopo Lampedusa, cancellare la Bossi-Fini!

Tante parole si sono spese per la tragedia di Lampedusa, l’ultima in ordine di tempo ed una delle più gravi per il numero delle vittime, molte delle quali ancora sul fondo del mare.
Tante le parole ufficiali di cordoglio e di partecipazione contrita ad un “lutto nazionale”, gli impegni solenni perché non accada mai più, le costernate affermazioni di chi, al contrario, come il Ministro Alfano,

Leggi tutto...

Vitalizi dei consiglieri regionali: basta!

Il vitalizio per i consiglieri regionali non solo non è previsto dalla legge istitutiva delle Regioni, ma è espressamente vietato. Tale legge – la n.53 del 1962 - all’art. 18 stabilisce che “ai membri dei Consigli regionali non possono essere attribuiti con legge della Regione prerogative e titoli che per legge o per tradizione siano propri dei membri del Parlamento o del Governo”.

Leggi tutto...

La scuola, tra cittadini attivi e paganti e istituzioni riluttanti

Genitori che si rimboccano le maniche per ripulire la scuola, ed altri che si oppongono alla chiusura della scuola "insicura" per la scomodità' che crea. Dirigenti scolastici che presidiano la sicurezza degli edifici a loro affidati con il concorso di tutti, e altri che impediscono l’accesso nelle scuole  alle organizzazioni o ai Comitati, considerandole proprietà privata.

Leggi tutto...

School in Italy between active and paying citizens, and reluctant institutions

Parents who roll up their sleeves to clean up the school, and others who are opposed to closure of the "unsafe" school for the inconvenience that creates. School leaders that oversee the safety of buildings assigned to them with the help of all, and others that prevent access in schools to organizations or committees, considering private property. Auditors who fail to intervene even compared to emergencies, others acting with the limited resources available, endeavoring as they can. Teachers also available to administer medicines, teachers refractory to any change and innovation. School buildings in large cities that fall apart, cutting-edge buildings in small towns of the South

Leggi tutto...

La bufala della valutazione dei servizi pubblici

La Legge Brunetta del 2009 si proponeva di aprire porte e finestre: scommetteva su organismi di valutazione (davvero) indipendenti e lanciava la sfida della “trasparenza totale”.

Leggi tutto...

Settimana Europea della mobilità, protagonisti i cittadini

mobility-primo-pianoIn Europa la mobilità svolge un ruolo vitale per il mercato interno e la qualità di vita dei cittadini. Siamo perfettamente consapevoli di quanto il settore dei trasporti risulti fondamentale per economia e società, procurando crescita economica e occupazione.

Leggi tutto...

Decreto del fare: Multe, 30% in meno se paghi entro 5 giorni

NOVITÀ: ARRIVANO LE MODIFICHE DEL CODICE DELLA STRADA SE PAGHI ENTRO 5 GIORNI  DALLA CONTESTAZIONE O DALLA NOTIFICA PAGHI IL 30% IN MENO

Leggi tutto...

Dossier Acqua 2013

Servizio idrico: +33% il costo negli ultimi 6 anni. In 40 città aumenti superiori al 40%.   Record a Reggio Calabria (+164,5%), Lecco (+126%) e Benevento (+100%).

La Toscana si conferma la regione più cara, mentre Isernia, Milano e Trento le città più economiche.

Leggi tutto...

Il silenzio assordante del Ministero della Salute

flag eng

Da cittadini, azionisti e utenti del nostro Servizio Sanitario Nazionale,  siamo molto preoccupati per l’assordante silenzio del Ministero della Salute e del Ministero dell’Economia, all’indomani della presentazione del XVI Rapporto PiT Salute del Tribunale per i diritti del malato-Cittadinanzattiva dal titolo "Meno sanità per tutti, la riforma strisciante".

Leggi tutto...

The deafening silence of the Italian Ministry of Health

As citizens, stakeholder and users of our National Health Service,  we are very concerned about the deafening silence of the Ministry of Health and the Ministry of Economy, after the presentation of the XVI PiT Health Report of the Tribunal for Patients' Rights-Cittadinanzattiva entitled "Less health care for all, the creeping reform", presented on 16 July in Rome.

Leggi tutto...

Bollette, crisi, trasparenza: ci salverà il consumatore?

Cittadinanzattiva ha presentato oggi (11 luglio - ndr) il focus “Energia ad intermittenza” del Rapporto PiT Servizi 2013, lavoro che affronta quanto segnalato dai cittadini nell’ambito del settore energia e ambiente (acqua, luce, gas e rifuti). Su 9.633 segnalazioni nel corso del 2012 il 30% riguarda questo ambito.

Leggi tutto...

Bills, crisis, transparency: will the consumer save us?

Cittadinanzattiva presented on July 11, the focus "Intermittently energy" Report PiT Services, 2013, work that deals with what is reported by the citizens in the context of energy and environment sector (water, electricity, gas and waste materials). Of 9,633 reports in 2012 to 30% related to this area.

Leggi tutto...

La riforma strisciante e i fondi che ci sono

Fra qualche giorno Cittadinanzattiva, attraverso l’analisi delle segnalazioni che giungono al Pit, il suo servizio di assistenza e informazione per i cittadini, pubblicherà il consueto rapporto annuale sullo stato della sanità in Italia, dandogli il titolo, emblematico e parlante, di “Meno sanità per tutti”.

Leggi tutto...

Agisci per il cambiamento

Questa settimana dedichiamo il nostro spazio di apertura a due importanti petizioni che hanno bisogno del vostro sostegno. La prima fa riferimento alla campagna “sono Un Vip”, di cui potrete leggere più avanti, e  che ci vede protagonisti di una battaglia contro gli “accanimenti” burocratici ai danni dei veri invalidi. Un dato sopra tutti può aiutarci a inquadrare il tema: più di un anno di attesa per ottenere la pensione di invalidità.

Leggi tutto...

La forza riformatrice della cittadinanza attiva

Vi proponiamo un estratto dalla introduzione del volume "la forza riformatrice della cittadinanza attiva", di Giuseppe Cotturri, di cui in questi giorni stiamo promuovendo la presentazione in diverse città. Il libro è acquistabile nel corso delle presentazioni, nelle principali librerie e nella nostra "bottega" online.

Leggi tutto...

Nuova direttiva europea sulle controversie di consumo

Oggi in GU la nuova Direttiva UE sulle conciliazioni, e in Italia ritorna la mediazione: non è certo un tempismo casuale, il ritorno alla mediazione obbligatoria era inevitabile. Lo avevano chiesto i Saggi di Napolitano, il Governatore della Banca D'Italia, la Commissione Europea (in occasione della notifica della fuori uscita dalla procedura di infrazione), Confindustria, naturalmente i 900 e oltre organismi di mediazione, giuristi e magistrati del calibro di Santacroce e altri.

Leggi tutto...

I futuri impegni per il Sindaco di Roma, secondo noi

Cari candidati,
vi scriviamo perché domenica i cittadini di Roma dovranno decidere chi nei prossimi anni avrà l’onore e l’onere di governare la nostra città.
Crediamo, e la bassa affluenza al primo turno dei votanti lo dimostra, che la fiducia dei cittadini sia ai minimi e solo dando un segnale di forte discontinuità dal punto di vista del metodo e del merito ci sia la possibilità di ridurre un divario tra cittadini ed istituzioni che rischia di essere irrecuperabile.

Leggi tutto...

La riforma dei partiti e la cittadinanza attiva

Nella nostra tradizione c’è l’idea che la nostra classe dirigente si è dimostrata nel tempo sempre più inadeguata a guidare il Paese, e che per garantire un governo più partecipato bisogna trasferire poteri, risorse e spazi alla cittadinanza attiva. In questi anni siamo riusciti a conseguire un risultato straordinario, l’introduzione del principio di sussidiarietà orizzontale nella Costituzione Italiana.

Leggi tutto...